La discesa dello Tsangpo con le gowa

La ‘gowa’, la tipica barca in pelle di yak

  prossimo viaggio         leggi racconto      leggi diario 

Lo Tsangpo, il fiume che nutre il Tibet dall’estremo ovest all’estremo est, nasce dalle pendici del Kailash, la montagna sacra per eccellenza nell’antica cultura Bön, in quella buddhista tibetana e in quella induista. Da migliaia di kilometri di distanza arriva nella valle dello Yarlung, dove si è sviluppata la civiltà e la cultura tibetana. Enormemente largo e limaccioso nel periodo monsonico, limpido e poco profondo da ottobre in poi, Sven Hedin lo descrive nel primo’900 come la via di comunicazione del popolo tibetano, affollato di gowa che trasportano pellegrini e merci.Per costruire una gowa servono le pelli di 4 yak adulti e il lavoro di tre uomini per quatro giorni. L’intelaiatura è fatta di rami di salice; le barche così ottenute sono capienti e assolutamente impermeabili. Lo stesso sistema viene ancora usato ai giorni nostri.

La navigazione  si svolge sulla sponda sinistra dello Tsangpo. Inizia  dalla confluenza del fiume Kyiciu con lo Tsangpo, a Simpori;  si costeggia la sponda sinistra del fiume, con villaggi che vivono ancora in un’atmosfera naturale e antica.  

L’arrivo al campo è rilassante perchè le tende sono già state montate dallo staff sulla sabbia delle spiagge dello Tsangpo, non rimane quindi che sedersi, sorseggiare un the e godersi i magnifici tramonti, in un atmosfera di calma e serenità, mentre sull’altra sponda la civiltà -abbandonata per pochi giorni- continua insolente ma con poca possibilità di disturbare.

Ma le giornate in questa parte del viaggio non consistono solo di navigazione e campeggio. 

A Simpori, con una breve passeggiata, si va a visitare una antico e piccolo gompa. I rituali in questo monastero vengono   svolti dal capo del villaggio. 

Durante i picnic, che vengono preparati sulla spiaggia e spesso nella vicinanza di campi coltivati, non manca l’opportunità di vedere arare conaratri di legno trainati da pazienti yak.

A Dorge Drag, un monastero che sorge sulle rive del  fiume, si può dormire nella guest house e usufruire della disponibilità dei monaci, in un  silenzio avvolgente. L’incontro con l’anziano Geshe ripaga delle lunghe ore di navigazione. 

A Ngadrag, una breve passeggiata sopra al caratteristico villaggio porta in un simpatico  monastero gestito da monache. La cucina non molto linda e un filino buia fa immaginare il Tibet vissuto secoli fa da Manning, da Bogle e altri pionieri di passaggio in questa terra. L’arrivo a Samye mette fine a questa magnifica avventura   fuori dai tracciati normali. 

Ma ora altri luoghi isolati e stupendi vi attendono sulla  strada   che scende verso il Nepal.

gowa

il campo

stormo di gru

lavori nei campi

tramonto

  |Tibet|         |Home|

     mailto:kristinblancke@gmail.com