TIBET ORIENTALE : KHAM E AMDO

 

                   

prossimi viaggi                     leggi racconto                   foto

Oltre alla zona del Tibet Centrale e Occidentale, l'area della cultura tibetana si estende  in quello che  potremmo definire "il Tibet Orientale", comprendendo due "province esterne" con  caratteristiche sia culturali che geografiche  distinte tra di loro: il Kham e l'Amdo. 

Geograficamente parlando le due 'province' possono essere grosso modo delineate dai sistemi fluviali che dominano le due aree: l'Amdo comprende principalmente il sistema fluviale del Ma-Chu (il fiume giallo) con i suoi tributari che si gettano nel fiume prima di arrivare alla capitale della provincia Gansu, Lanzhou. E il Kham occupa quella parte dell'altopiano tibetano caratterizzata dalle gorge profonde del fiume Yangtse e i suoi tributari come lo Yalong, e da due altri grandi fiumi asiatici , il Mekong e il Salween. Questi tre fiumi hanno la sorgente nello Dzato.

Politicamente parlando l'Amdo attualmente e' inserito nella provincia Cinese del Qinghai (capoluogo Xining) e parte anche in quella del Gansu, mentre il Kham si estende su ben 4 province cinesi: una parte, con capoluogo Chamdo, si trova nella regione autonoma del Tibet (Tar); una parte si trova nella provincia del Sichuan, che ha  Chengdu come capitale; citta' tibetane importanti qui sono Dartsedo (cin Kangding), Dege, Kandze (cin Garze) e Lithang; una terza parte si trova nel Qinghai, vale a dire principalmente la prefettura di Yushu (in tibetano Jeykundo), e le regioni di Dzato e dell'antico regno di Nangchen (capoluogo Shorda); la quarta parte si trova nella provincia dello Yunnan, che ha Kunming come capitale ; citta' importanti di area tibetana sono Lijiang, Zhongdian e Dechen.

Per noi viaggiatori queste regioni hanno da offrire nuovi brividi, e ci sono nuove scoperte da fare. Relativamente piu' "libere" da visitare (basta un semplice visto Cinese) ci troviamo una varieta' di paesaggi magnifici, dalle zone quasi alpine agli altopiani piu' rigidi con praterie, nomadi e greggi di yak e  pecore. Fiori meravigliosi. Laghi di altitudine. E poi incontriamo tutto il fervore della ricostruzione dei monasteri buddistidove ritroviamo ogni aspetto del mondo tibetano. E' interessante vedere come cinesi e tibetani convivono (i cinesi in citta' e la maggior parte dei tibetani nelle campagne e nelle praterie...), come una cultura antica si sta cercando un modo suo originale di adeguarsi ai tempi. Spettacoli magnifici sono offerti dalle 'feste dei cavalli' tenute in varie citta' (Yushu,  Litang) oppure anche feste tradizionali tibetane tenute in alcuni monasteri, con danze dei monaci (Katok)

uno "stupa" di bandierine

 

altopiano fiorito in Kham

 

nella tenda del picnic

 

il Dege Parkhang

|Tibet|           |home|

     mailto:kristinblancke@gmail.com