foto di Aldo Pavan,   GANGE, LUNGO LE ACQUE SACRE, Magnus Ed, 2005

La Navigazione Sul Gange

leggi racconto                                   foto                                prossimo viaggio

Il Gange, come tutti i fiumi, è una realtà geografica fisica: delimita dei territori; separa culture e religioni; è un amico che con le sue acque aiuta la vita della gente e un nemico imprevedibile che con le sue inondazioni strappa quello che aveva donato; è una via di comunicazione che ha trasportato nuove idee, nuove filosofie e nuovi metodi di vita. Nella geografia spirituale è uno fluire incessante di nuove conoscenze- fantasiose e no-, di apprendimenti di vita e di conoscenze spirituali poco illustrabili su una mappa cartacea.                      

Navigando sulle acque  del Gange  si susseguono veloci immagini di villaggi, di delfini che  saltano davanti agli occhi, di  cani che sbranano qualche pezzo di cadavere in un’ansa. Ma per un devoto indù il  Gange, il più importante fiume indiano, non è solamente una vasta distesa d’acqua: rappresenta l’anima della sua cultura. Infatti questo fiume, che nasce nella lontana terra del Tibet e passando sotto l’Himalaya fa la sua entrata in India a Gangotri, è da sempre stato considerato non solo come un corso d’acqua, ma soprattutto come la madre del paese, e  la madre  dà sostentamento attraverso l’agricoltura, e offre  la purificazione dopo la morte. Il più grande desiderio di ogni indiano è morire a Kashi – la città della luce che da secoli si affaccia sulle sponde del fiume sacro- e lasciare che i suoi resti ritornino in uno degli elementi che formano il 70% del nostro corpo: l’acqua.                       

 Un Pranzo sul Gange

La navigazione sul Gange inizia ad Allahabad (Prayag), dove il fiume incontra il suo più grande affluente, lo Yamuna, insieme al fiume mistico Saraswati, e finisce  alla città sacra di Varanasi.  

Da Allahabad fino a Chunar, capitale dell’antico regno fondato nel 56 A.C. dal re Vikramaditya di Ujjain in onore del fratello maggiore, Bharathari, saggio esponente del Raja Yoga, il fiume si snoda  costeggiando il magnifico forte e il samadhi del saggio. 

 Durante questo viaggio si attraversa  l’entroterra della piana gangetica e si ha una visione insolita della vita rurale indiana.  Come disse Gandhi : ” La vera India vive nei villaggi” .  

Da Chunar il fiume scorre velocemente fino a volgere improvvisamente verso nord, poco prima della città di Varanasi, formando così una luna crescente che bagna le rive della città di Shiva.  Quest’ultima parte del viaggio svela agli occhi meravigliati del viaggiatore la spiritualità e il misticismo del popolo indiano e ci trasporta indietro nel tempo, in una dimensione sospesa: nella città sacra di Varanasi il tempo non ha inizio nè fine ma è l’espressione ciclica ed eterna dell’esistenza.

La navigazione offre un'occasione eccellente per osservare la vita facendosi trasportare dalle acque; è un esperienza meravigliosa per chi non esita ad accettare qualche disagio minore a favore di una avventura  che lo riporta nel grembo di Madre Natura. Oltre a godersi l'effetto rilassante di un viaggio in barca -  condotto dai rematori, a vela  e a remi,- comodamente coricati sui materassi e intrattenuti da occasionali brani di musica di tabla e pianola, dove altro si possono vedere  le pire bruciare sulla sponda, vicino a un villaggio con la gente che accoccolata intorno parla  d’altro, senza strazi, senza  pianti, nella pura comprensione della morte, non come tragedia ma come cambiamento?

| India|              |Home|

     Per   Ricevere   Itinerari   Dettagliati   Si   Contatti   kristinblancke@gmail.com