Arunachal Pradesh

leggi racconto          foto      slideshow su flickr      video   PROSSIMO VIAGGIO   

donna etnia apatani

 

uomo etnia wangcho

 

un villaggio nel tirap

copricapo nisci

 

L’Arunachal Pradesh, incuneato fra Cina, Bhutan e Birmania, è uno degli stati più inaccessibili dell’India, a causa della sensibilità dei suoi confini, in particolare quello con la Cina. Per questo motivo l'Arunachal è ancora poco toccato dal turismo, il chè  ne fa un destinazione affascinante.

L'Arunachal Pradesh ha  una superficie di 84.000 Kq; il paesaggio varia dalle pianure con clima tropicale confinanti con l’Assam alle cime fredde dell’Himalaya. La sua popolazione conta 800.000 abitanti, di cui la maggior parte vivono in un ottantina di etnie tribali di ceppo mongolo e tibeto-birmano.

Le religioni più professate sono il cristianesimo e il buddhismo mahayana, benchè fra alcune delle tribù l’animismo è molto diffuso. La maggior parte di queste etnie sono concentrate nelle valli, anche se recentemente una spedizione dell’esercito indiano ha scoperto una tribù che vive ancora nelle caverne, stanziata presso il passo Chetak, a 4300 m; la scoperta del fuoco non li ha raggiunti, per cui mangiano ancora cibi crudi.

Gli Apatani [adoratori del sole e della luna], i Monpa, i Nishi, gli Adi, i Wangcho, i Nocte e i Gallong sono le etnie più conosciute.

Le vie d’accesso alla regione sono molto difficili e limitate alla Stilwell road costruita dagli americani nel corso dell’ultimo conflitto mondiale. Il traffico proveniente da altre regioni indiane è limitato e consistente soprattutto in camion per il commercio, ma ho notato che i cambiamenti presso alcuni villaggi ai bordi della strada avvengono veloci: antenne paraboliche sui tetti delle “capanne”, richieste di offerte in soldi etc....

L'arrivo in Arunachal mi ha colpito; è come entrare in un mondo assolutamente differente dagli altri stati indiani. La gente, con tratti mongoloidi, mi ricorda i tibetani; a Tawang potevo tranquillamente parlare in tibetano. Molti villaggi sono raggiungibili attraversando instabili e insicuri ponti aerei.

Gli abitanti sono ospitali e sorridenti e si prestano ad eseguire danze folcloristiche, una delle attività più sentite nel quotidiano. Vivono in capanne tipo palafitta,  strutture lunghe che ospitano più famiglie,  la cui area privata  viene riconosciuta dal focolare.

Un mondo “primitivo”, quello dell’Arunachal,  e per questo è  affascinante; per chi può resistere senza molte comodità  vale sicuramente una visita...

|India|          |Home|

 

un totem con pollo

 

 bimba etnia Adi

 

sciamano monpa

 

anziano uomo apatani